BIOGRAFIA

Diego Bongiovanni nasce il 16 marzo 1983 ad Asti. Originario di un piccolo paese di provincia, Motta di Costigliole, ha studiato presso la scuola alberghiera e, come tanti, ha fatto parte di numerose brigate prima di capire quale fosse il suo vero sogno.

I suoi genitori, però, avevano intuito la sua passione quando, già all’età di 3 anni, lo vedevano infilarsi nelle cucine per ammirare ingredienti colorati, annusare ciò che trovava e fare un sacco di domande agli chef. Forse è stata l’influenza di nonna Albertina, da cui trascorreva le estati e la osservava mentre spadellava, tirava la sfoglia e impastava.

Il profumo di casa, il buon vino, le ottime carni, le verdure dell’orto e il tartufo delle sue terre smuovono ancora in lui ricordi indelebili.

Quello che è certo, è che non era un bambino come tutti gli altri. I suoi amichetti si divertivano a giocare a calcio, lui no. Lui impastava sabbia e fango e si divertiva a realizzare torte a piani, che poi decorava con fiori e foglie rubacchiate qua e là.

Da bambino paffutello con un pugno di sogni in mano a chef da palcoscenico. Il salto è sorprendente quanto inaspettato.

In mezzo ci sono gli anni di gavetta in hotel e ristoranti, i sacrifici, la voglia di dare una svolta alla propria vita e l’aspirazione di riuscirci. Fino al 2013, quando “La Prova del Cuoco” gli regala la popolarità. Le sue apparizioni in tv, però, risalgono a molto tempo prima, quando su Telecupole presentava il programma “Cucina Giovane”. La sua cucina è stata protagonista anche a “Grazie dei Fiori” su RAI 2, “Amiche del sabato” su RAI 1 e ad “Effetti Speciali” su TV2000. Tante le collaborazioni anche con le radio (Radio KissKiss, Radio ManaMana, Radio Valle Belbo), riviste di settore (Starbene, Il Piccolo) e gli editori (Food, Araba Fenice). Il libro “Ricette con i fiori” edito da Araba Fenice porta la sua firma.

Per molti è lo Chef della Prova del Cuoco, per altri è lo chef “sopra le righe” che cucina con piastre e arricciacapelli, per altri ancora è lo chef innovatore che combatte lo spreco in cucina con il riciclo degli avanzi. È difficile etichettarlo, forse impossibile.

Oggi Diego Bongiovanni, in veste di show-chef e consulente aziendale, incontra ogni giorno gente nuova, crea piatti sempre diversi e partecipa a eventi, show cooking e manifestazioni. È in costante movimento, sempre proiettato verso nuovi traguardi e obiettivi da raggiungere. La sua motivazione è la sua più grande passione: la cucina. Nei suoi piatti, colori, forme e tecniche spesso innovative si mescolano per creare combinazioni inedite e spettacolari.
La sua cucina ha molte sfaccettature: è malinconica, innamorata, gioiosa. Rispecchia i suoi pregi e difetti e si distingue per note dolci, salate, acide o amare. Come ama ricordare lui stesso, i suoi piatti sono l’unico vero specchio di ciò che è in quel preciso istante, senza filtri né maschere.

Segui Diego Bongiovanni su Facebook, e Instagram.